VOLARE SU LIERNA

Il giornalino della scuola primaria di Lierna

Febbraio 2011 anno 16 n.1

e-mail elemlie@icsbellano.org

 

 

lierna logo giornalino

 

 

 

Home

Prima pagina

IL GIORNO DELLA MEMORIA

Storia di Erica

Il bambino dal pigiama a righe

150° anniversario Unità d'Italia

Video realizzati nella scuola in collaborazione con la Provincia di Lecco

GITE SCOLASTICHE

Teatro perchè?

Spettacolo teatrale sull'Unità d'Italia

Spettacolo di burattini al Parco Regionale Spina Verde

Laboratorio teatrale sugli uomini primitivi

Laboratorio teatrale sulla civiltà egizia

GITE

Parco Regionale Spina Verde (CO)

Filastrocca sull'uscita al Parco Spina Verde

Artavaggio

Orienteering

Roma-La gita

Esperienze in classe

I Biscotti

Colorandia

La storia di Tommaso

Alimentazione

La scuola vista dai bambini

E' meglio essere bambini o adulti?

Campionato giornalismo

Mostra falsi d'autore

Poesia dialettale

Esperienza con il Canada

Poesie e storie

Redazione

 

 

 

 

Ad occhi aperti (ad occ avert)

Anche quest’ anno noi di classe 5^ abbiamo partecipato al concorso di poesia dialettale.
Il tema di quest’anno era il sogno.
Ecco cosa abbiamo creato .

Intant che el nonu el dis che negott al mund el va,
i bagaj cun la fantasia in cumincen a vulà…
Sogni ad occhi aperti,sogni di bambini,
sogni di speranza in cuori cristallini.
Un mondo senza guerra, senza ipocrisia
Con fame e malattie scomparse per magia.
Una terra di fratelli, una vita più sicura,
un mondo più pulito, il sorriso della natura.
Aiuto ai sofferenti, rispetto per gli anziani,
conforto e speranza donati a piene mani.
“Pensi che in un duman, menga tant luntan,
el mund el sarà anca tot in di vost man.
Me ghe saròò pio ma vori ben sperà,
che un quaicoss de bon pruvarii a fa…”
I bambini sorridono, proprio quello sognavamo,
ad un mondo migliore, giusto a quello pensavano.
Guardano il nonno, lo sento sospirare
E ad un tratto in dialetto si sforza di parlare:
“Ad occ avert sugnavum e sperem che un duman
Sia pusee dell quel mund che se trovarem in man…
Nonu, te prumetum che per quel poch che se pudarà,
el tò e el nost sogn el diventerà realtà!

Gabriele Sabadini

Wisam Tfayli.



torna su