VOLARE SU LIERNA

Il giornalino della scuola primaria di Lierna

Febbraio 2011 anno 16 n.1

e-mail elemlie@icsbellano.org

 

 

lierna logo giornalino

 

 

 

Home

Prima pagina

IL GIORNO DELLA MEMORIA

Storia di Erica

Il bambino dal pigiama a righe

150° anniversario Unità d'Italia

Video realizzati nella scuola in collaborazione con la Provincia di Lecco

GITE SCOLASTICHE

Teatro perchè?

Spettacolo teatrale sull'Unità d'Italia

Spettacolo di burattini al Parco Regionale Spina Verde

Laboratorio teatrale sugli uomini primitivi

Laboratorio teatrale sulla civiltà egizia

GITE

Parco Regionale Spina Verde (CO)

Filastrocca sull'uscita al Parco Spina Verde

Artavaggio

Orienteering

Roma-La gita

Esperienze in classe

I Biscotti

Colorandia

La storia di Tommaso

Alimentazione

La scuola vista dai bambini

E' meglio essere bambini o adulti?

Campionato giornalismo

Mostra falsi d'autore

Poesia dialettale

Esperienza con il Canada

Poesie e storie

Redazione

 

 

 

 

Parco Spina VerdePartenza in pulman

UNA GITA AL PARCO “SPINA VERDE” DI COMO
MERCOLEDÌ 30 MARZO SIAMO ANDATI IN GITA, CON LA CLASSE 2^, AL PARCO “SPINA VERDE” CHE SI TROVA A COMO.
SIAMO PARTITI DA LIERNA IN PULMAN ALLE 8 E DOPO CIRCA DUE ORE DI VIAGGIO CI SIAMO TROVATI ALL’INGRESSO DEL PARCO CON LE GUIDE: LUCA E VALERIA.
PRIMA DI INIZIARE IL NOSTRO PERCORSO, ABBIAMO LETTO INSIEME IL CARTELLONE CHE RIPORTAVA LE REGOLE DA RISPETTARE NEL BOSCO: NON SI BUTTANO RIFIUTI PER TERRA, NON SI PUÒ CACCIARE, NON SI STRAPPANO O RACCOLGONO FIORI, FOGLIE E FUNGHI, NON SI URLA, NON SI ACCENDONO FUOCHI, I CANI DEVONO ESSERE TENUTI AL GUINZAGLIO O CON LA MUSERUOLA, NON SI PUÒ ENTRARE CON MEZZI A MOTORE.
ABBIAMO INIZIATO IL NOSTRO CAMMINO CERCANDO DI CONOSCERE IL BOSCO ATTRAVERSO I 5 SENSI.

Bambino nel parco
ABBIAMO OSSERVATO GLI ALBERI PRESENTI: IL CASTAGNO, L’ABETE, LA QUERCIA, IL PINO, LE LORO FOGLIE, I FRUTTI, I TRONCHI E LA CORTECCIA.
NEL SOTTOBOSCO SI POTEVANO VEDERE ANEMONI BIANCHI, PERVINCHE VIOLA, PIANTINE DI MIRTILLI E TANTI RICCI E FOGLIE SECCHE CHE SOTTO I NOSTRI PIEDI SCRICCHIOLAVANO. DA ALCUNE CASTAGNE SPUNTAVA IL GERMOGLIO VERDE.
IN ALCUNI TRONCHI C’ERANO GROSSI BUCHI FATTI DAI PICCHI CHE CERCANO GLI INSETTI SOTTO LA CORTECCIA.
NELLA ZONA UMIDA ABBIAMO VISTO UOVA DI RANA E LARVE DI SALAMANDRA.

animali che pascolano

SI POTEVANO ASCOLTARE IL CANTO DEGLI UCCELLINI, IL RUMORE DELL’ACQUA DI UN RUSCELLO E, IN LONTANANZA, IL CAMPANACCIO DI ALCUNE MUCCHE E IL CANTO DI UN GALLO.
ABBIAMO ANNUSATO GLI ODORI DEL BOSCO: IL PROFUMO DELLA CORTECCIA, DEL LEGNO, L’ODORE DEI FUNGHI E DELLE FOGLIE SECCHE.
ABBIAMO TOCCATO I DIVERSI TIPI DI CORTECCIA: QUELLA DEI CASTAGNI E DEI PINI RUVIDA, LISCIA QUELLA DELLA QUERCIA GIOVANE.
DURANTE IL PERCORSO ABBIAMO FATTO LA CONOSCENZA DEL CACCIATORE MAGALDO, UN BURATTINO UN PO’ CATTIVELLO CHE VOLEVA CATTURARE E UCCIDERE GLI ANIMALI DEL BOSCO.
ABBIAMO RITROVATO QUESTO PERSONAGGIO AL TERMINE DELLA NOSTRA GIORNATA CON ALTRI BURATTINI: IL LUPO BUONO, TRUCIOLO, ZIO GINO, IL CORVO. INSIEME CI HANNO RACCONTATO UNA STORIA IN CUI GLI ANIMALI CATTURATI DA MAGALDO VENIVANO LIBERATI E SALVATI DAL LUPO BUONO E DA TRUCIOLO.
LA GIORNATA È STATA INTERESSANTE, DIVERTENTE, ABBIAMO IMPARATO COSE NUOVE E SICURAMENTE LA PROSSIMA VOLTA CHE ANDREMO IN UN BOSCO OSSERVEREMO CIÒ CHE CI CIRCONDA E STAREMO ATTENTI A NON ROVINARE PIANTE E FIORI.

Il cacciatore Magaldo
I BAMBINI DI CLASSE PRIMA


torna su